Il giornalista Rai Gian Stefano Spoto presenta a Roma il suo Mediorientati (Ianieri Edizioni)

Si terrà lunedì 3 aprile alle ore 18.30 presso IBS+Libraccio, in via Nazionale 254/255, la presentazione di Mediorientati – Oltre la Storia, le storie del giornalista Rai Gian Stefano Spoto, dal 2014 corrispondente da Gerusalemme.

Impreziosito dalla prefazione del giornalista, scrittore e conduttore televisivo Franco Di Mare, il reportage di Spoto, in libreria dal 24 marzo per Ianieri Edizioni, passa in rassegna con l’arguzia tipica del giornalista di costume una serie di storie tratte da una delle aree più affascinanti, complicate ed inquiete della Terra. Storie straordinarie da cui non si evince nessuna morale, nessuna classifica fra buoni e cattivi.

Gian Stefano Spoto, che ha realizzato oltre settemila servizi e speciali per la Rai nella sua carriera, mette a frutto in questo libro i suoi incontri entrando in un mondo senza fine, che né il viaggiatore né tantomeno il web riescono ad esplorare. Israele, Palestina, Giordania e Gaza, prima di essere al centro di intrighi e conflitti forse irrisolvibili, sono popolati da milioni di persone come Aseel e Abed, Hanna Weiss, Tawfiq, Munib al-Masri, ciascuna con uno status diverso e destini spesso incredibili.
Da chi scrive di Medio Oriente, ci si potrebbero aspettare disquisizioni dotte e acrobatiche dietrologie. Gian Stefano Spoto, invece, compie una scelta diversa: come sottolinea Franco Di Mare nella prefazione, infatti, “Mostrare in video la vita della gente che si incontra è un buon servizio. Scriverla cogliendo i sentimenti è un atto di amore e di umanità”.

Gian Stefano Spoto, emiliano, giornalista della carta stampata prestato alla televisione, è stato, fra l’altro, capo della cronaca del Tg2, vicedirettore di Raidue e di Rai Internazionale. Dal 2014 corrispondente Rai dal Medio Oriente. Autore, ideatore e conduttore di diversi programmi (Linea Verde Orizzonti, Futura City, Italia è, Italia extra), ha collaborato con numerose testate giornalistiche (“la Repubblica”, “il Secolo XIX”, “Il Resto del Carlino”, “il Giornale”, «Cosmopolitan») e ha scritto tre libri: Un futuro che viene da lontano (FrancoAngeli 2003, con il sociologo Giorgio Pacifici), MOST (Curcio 2007) e Salgari. Centocinquanta Indie (Curcio 2012). Oltre 7000 servizi e speciali realizzati per la rai. Con Oscar Wilde pensa che chi esprime con cinquanta parole ciò che si può dire con cinque sia capace di qualsiasi delitto. Tifa Sassuolo.

Annunci

Informazioni su Antonella Gaita

Giornalista
Questa voce è stata pubblicata in Editoria, Libri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...