Analisi del risultato ottenuto dalla mozione Renzi-Martina in provincia di Teramo

Ad operazioni di spoglio concluse possiamo affermare con forza e soddisfazione che Renzi vola in provincia di Teramo: raggiunto il 71% dei consensi!” si legge in una nota del comitato Teramo #InCammino con Matteo Renzi.

La provincia di Teramo si conferma la più renziana d’Abruzzo e quella con l’affluenza più alta con più di 10.000 elettori. La partecipazione alle urne è stata straordinaria e per certi versi inaspettata, soprattutto nei nostri territori, nei quali il tessuto partecipativo ha risentito notevolmente del sisma. Il popolo del PD ha risposto alla grande e lo ha fatto con un plebiscito su Matteo Renzi! I cittadini hanno scelto con nettezza di riaffidargli la guida del Partito Democratico che dimostra di essere la figura in cui il nostro elettorale più si riconosce per affrontare il difficile scontro con destre e populisti. Di grande significato la lettura dei risultati sul territorio. A Silvi, nonostante la caduta dell’Amministrazione Comignani, 651 cittadini si sono recati ai gazebo per sostenere la mozione Renzi-Martina con l’87% dei consensi consentendo a Maria Pacchione di essere eletta all’Assemblea Nazionale. Una straordinaria risposta di democrazia a chi ha voluto mettere fine all’amministrazione comunale! Pineto si conferma roccaforte dei renziani in provincia con l’84% dei consensi e quasi 700 votanti. Ottimo il risultato ottenuto in Val Vibrata con il 75% di vallata e dove vanno evidenziati due importanti aspetti: la vittoria ad Alba Adriatica, per nulla scontata visto l’esito del congresso di circolo in cui la mozione Orlando aveva prevalso sulla conta degli iscritti, ed il quasi 90% di Sant’Egidio che ha permesso l’elezione del candidato locale Luigino Medori all’Assemblea Nazionale. Positivo il risultato di Teramo dove, pur nella riduzione dei seggi rispetto alle primarie precedenti e alle migliaia di sfollati hanno votato quasi 1500 persone consegnando a Renzi un importante 72%. Roseto raggiunge i mille votanti con un plebiscito per Renzi e a Giulianova l’elettorato democratico ha dimostrato di non risentire della scissione registrando circa 780 presenze ai gazebo. Complessivamente si può dire che queste primarie consegnano al PD una grande voglia di partecipazione e cambiamento che anche l’attuale gruppo dirigente del PD teramano deve essere in grado d’intercettare e guidare. Sarà necessario allargare la nostra forza politica per renderla inclusiva, meno verticistica e certamente più attiva e plurale, cogliendo tutto il potenziale politico ed elettorale che questo voto ci consegna. Il popolo delle primarie nel teramano dimostra di non risentire di scissioni e inutili polemiche ma pretende iniziative politiche e scelte chiare per il futuro delle nostre comunità. Riforme giuste e condivise e una classe dirigente preparata e aperta al confronto con cittadini ed elettori“.
Maria Pacchione – neo eletta all’Assemblea Nazionale PD
Luigino Medori – neo eletto all’Assemblea Nazionale PD
Dino Pepe – Assessore Regionale PD
Luciano Monticelli – Consigliere Regionale PD
Mauro Scarpantonio – Assessore Provinciale PD
Alberto Melarangelo – Consigliere PD al Comune di Teramo
Manola Di Pasquale – membro della segreteria regionale PD Abruzzo
Elvezio Zunica – membro della segreteria regionale PD Abruzzo
Fioravante Costantini – Segretario Circolo PD di Silvi

Annunci

Informazioni su Antonella Gaita

Giornalista
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...