Tremenda aggressione ad un Poliziotto Penitenziario a Pescara

A pochissimi giorni dall’aggressione subìta da un poliziotto (in quell’occasione un agente di polizia penitenziaria è finito al pronto soccorso e ne è uscito con numerosi punti di sutura a seguito di un pestaggio subìto da detenuto psicopatico), un’altra e ancor più violenta è stata perpetrata a danno di un Sovrintendente la cui diagnosi, in regime di ricovero ospedaliero, vede una mandibola spappolata e un forte trauma cranico.

A darne la notizia è Mauro Nardella vice segretario regionale UIL PA Polizia Penitenziaria.

In questo caso ad aggredirlo è stato un detenuto ex pugile il quale, durante un normale controllo nella sezione detentiva, senza un valido motivo, colto da un improvviso raptus, gli si è scagliato addosso e con violentissimi pugni lo ha letteralmente messo KO. Solo il pronto intervento di altri colleghi ha evitato il peggio e salvato la vita al malcapitato collega. Da carcere modello – afferma il dirigente sindacale – quello pescarese sta divenendo sempre più un inferno. Non è un caso che da quando sono stati chiusi gli ospedali psichiatrici giudiziari il numero di casi di aggressione, talvolta anche molto violenti come in questo caso, stanno aumentando in maniera esponenziale. Vorremmo tanto capire -continua Nardella- il motivo del perché le REMS (Residenze Sanitarie per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza) non stiano svolgendo così come previsto il loro ruolo. Pensare che un carcere, senza gli opportuni accorgimenti, si possa sostituire,così come avveniva negli OO.PP.GG, al lavoro svolto da esperti nel settore è un errore che si sta rivelando fatale. Se lo Stato attraverso questo nuovo modo di vedere custoditi soggetti psicotici e molto pericolosi non è in grado di garantire la prevenzione di questi atti inconsulti ci porta a pensare che si stava meglio quando si stava peggio. Non vorremmo pensare ad un ritorno al passato ma qualcosa bisognerà pur fare per ridimensionare un bollettino che sa poco di pace ma molto di guerra. LA UIL PA Polizia Penitenziaria, nell’augurare una pronta guarigione al collega chiede un pronto intervento da parte di chi di competenza volto alla prevenzione di ulteriori fatti futuri e, nelle more, in conseguenza di quanto accaduto, l’allontanamento di tutti i soggetti psicotici dal carcere pescarese , ovvero, l’immediata chiusura del reparto psichiatrico“.

Annunci

Informazioni su Antonella Gaita

Giornalista
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...