Confartigianato Imprese Teramo: “Il Pd giuliese si arrampica sugli specchi parlando di equità sociale”

“Purtroppo siamo costretti ancora una volta, dopo la replica, a far capire ai Consiglieri Vasanella, Cartone, Chiodi, Filipponi e Rosci che “Equità” significa trattare ognuno con assoluta imparzialità – significa che la giustizia applica la legge non rigidamente, ma temperata da umana e indulgente considerazione dei casi particolari a cui la legge si deve applicare”, dichiara Confartigianato Imprese Teramo.

La tassa da pagare è uguale per tutti si eliminano gli oneri che a volte raddoppiano o triplicano l’importo dovuto.
Significa, e facciamo notare ancora una volta, che non ci sarebbe EQUITA’ SOCIALE se chi deve pagare tramite EQUITALIA può chiedere la rottamazione e chi deve pagare tramite società diverse, scelte dall’amministrazione comunale, non può chiedere la rottamazione. Questo significa EQUITA’ SOCIALE? Noi non siamo d’accordo e lo diciamo a gran voce e, da come leggiamo, ben venga la volontà, se possibile, che il pagamento può essere dilazionato in 24 rate.
Ricordiamo al circolo PD Giuliese che la rottamazione di cui parliamo è stata approvata dal Governo Italiano e lo stesso Governo ha dato la possibilità a tutti i Comuni di fare altrettanto quindi non riusciamo a comprendere la posizione del Circolo PD Giuliese.
Se hanno delle cose da recriminare al Sindaco Mastromauro o all’Assessore Grimi lo facciano ma in altra sede e non in Commissione danneggiando così irresponsabilmente tutte le imprese Artigianali, Commerciali, Industriali, Agricole, Turistiche, della Pesca, gli Autonomi ed i liberi Professionisti compresi tutti i cittadini del Comune di Giulianova.
Speriamo di aver chiarito di nuovo la nostra posizione e speriamo che il buon senso prevalga e spinga i componenti della Commissione nel rivedere al più presto la loro posizione in modo da dare un segnale di aiuto alle imprese in difficoltà economica che non potendo pagare chiuderanno le loro botteghe e, cosa ancor più grave, seguiteranno molto probabilmente a lavorare ma stavolta in nero pur di poter riuscire a tirare avanti“.

La CONFARTIGIANATO Imprese Teramo condanna i giochi politici che danneggiano il tessuto produttivo; specialmente quello messo in atto dal Circolo PD Giuliese che invece di sfiduciare chi vorrebbe si permette di giocare sulla pelle delle imprese mettendo in pericolo la loro sopravvivenza.

Il Presidente prof. Luciano Di Marzio rilancia, con l’occasione, un appello a tutti i Sindaci degli altri Comuni affinché deliberino al più presto la concessione della rottamazione delle cartelle esattoriali come altri comuni hanno già fatto.

Annunci

Informazioni su Antonella Gaita

Giornalista
Questa voce è stata pubblicata in Economia, Politica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...