Maltempo e terremoto, scatta la seconda fase di aiuti dalla Caritas Teramo-Atri

I momenti più critici, vissuti nelle frazioni e nei comuni isolati del teramano, sono alle spalle.

La Caritas Diocesana di Teramo-Atri, all’interno del Centro Coordinamento Soccorsi istituito dal Prefetto di Teramo Graziella Patrizi, ha contribuito a superarli consegnando circa 2000 pacchi viveri, 35 taniche per carburante, 5 generatori di corrente, 500 pacchi pannolini per bambini, 400 pacchi pannolini per anziani, 270 coperte, 200 lenzuola, oltre a centinaia di indumenti invernali.

Ciò è stato possibile grazie alla generosità dei tanti donatori: cittadini e parrocchiani da ogni angolo della diocesi e non solo. Sono giunti importanti contributi da Caritas di Campobasso, Caritas di Chieti-Vasto, Caritas di Pescara-Penne, Caritas di Lanciano-Ortona, Caritas di Alba Adriatica e Tortoreto, Conad Adriatico, Sermig Bari, Dono di Maria di Giulianova, Comunità Giovanni XXIII-Capanna di Betlemme di Chieti; un gruppo di volontari di Belluno coordinati dalla Scuderia la Vigna, un’Associazione di fuoristrada (venuta da Roma con 15 mezzi), cittadini di Locarno, Prato, Senigallia, Padova, Pescara, Ortona.

E ancora la Comunità Sacro Cuore di Roseto degli Abruzzi e la Parrocchia di Santa Lucia, sempre di Roseto degli Abruzzi. La parrocchia Villa Fiore di Alba Adriatica, i Catechisti di Colleatterrato, Conad di Villa Mosca, Conad via Cona, Farmacia Merlini di Montorio, Farmacia Di Pierro di Teramo, Parrocchia San Francesco di Pineto e Parrocchia Cuore Immacolato di Maria di Silvi. E poi ancora l’associazione Panta Rei di Corropoli, il centro Ananke di Pescara, la Folgore dell’esercito, l’associazione Ragazzi del Cielo-Ragazzi della Terra di Viterbo e Scuola primaria dell’Infanzia “Ruggeri-San Lorenzo” di Sora. A costoro va il nostro più sentito ringraziamento, al pari dei tanti volontari accorsi per confezionare i pacchi: su tutti, i migranti richiedenti asilo ospiti nei centri d’accoglienza del Consorzio Solidarietà Aprutina.

Ora, però, ripristinata in gran parte la normale viabilità e tamponata l’emergenza corrente elettrica, è il momento della conta dei danni. Dalle visite nelle zone più disagiate e dall’ascolto diretto delle famiglie residenti, sono emerse gravissime perdite per le aziende di allevatori e agricoltori, rappresentanti di una parte fondamentale del tessuto economico locale. Soprattutto a loro, e alle loro famiglie, saranno rivolte le attenzioni e le risorse che continueremo a raccogliere nei prossimi giorni. Non più nell’Emporio della Solidarietà di via Tevere 38 a Teramo – che torna da questo momento alla sua ordinaria attività – ma direttamente nel nostro magazzino di Piano Grande a Torricella Sicura. Chi vorrà continuare a recapitare beni alle famiglie che hanno riportato i danni più ingenti, potrà farlo contattando la Caritas Diocesana di Teramo-Atri (allo 0861/241427, all’email caritaste@gmail.com o recandosi direttamente nei nostri uffici di via Vittorio Veneto 11, a Teramo) e concordando le modalità per scaricare il materiale.

Comunque attiva la colletta attraverso l’Iban IT 09L0103015300000000929725, specificando nella causale “Emergenza maltempo provincia di Teramo”.

Annunci

Informazioni su Antonella Gaita

Giornalista
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...