23 milioni di euro in meno per il trasporto pubblico in Abruzzo

23 milioni di euro in meno per il trasporto pubblico in Abruzzo con una riduzione per Teramo del 10%, pari a circa 200 mila euro, a partire dal 2 febbraio 2011.

Sono questi i dati enunciati dall’assessore al traffico del Comune di Teramo, Giorgio Di Giovangiacomo, il quale ha, comunque, voluto ringraziare l’assessore regionale del settore, Giandonato Morra “perchè l’Abruzzo è la Regione che ha avuto i tagli minori”.

Nel trasporto urbano, gestito dalla Baltour, saranno soppresse le “corse bis”, quelle dei quartieri di Colleatterrato e della Cona, cioè le linee 1 e 1 barrato.

“Così facendo – ha spiegato Di Giovangiacomo – si eviteranno sovrapposizioni con altre linee che transitano nelle stesse zone”.

“Novità anche per la linea 4 – ha affermato l’ingegner Pierluigi Manetta – che non transiterà più a Piano Solare e a Campo Fiera perchè scarsamente utilizzata, ma solo a Fonte Baiano con un aumento del numero delle corse, una ogni 20 minuti, oltre a poter usare le linee 1 e 1barrato, più il bus navetta gratuito. La linea 5 non transiterà più alla Gammarana e in via Arno, anche qui per scarsa utenza (che potrà salire sull’1, l’1barrato e il 3), ma servirà in maniera più regolare il quartiere di San Venanzio, con corse ogni 20 minuti. Infine, per quanto riguarda la linea 6, che serve il quartiere di Colleparco insieme alla 7, vengono soppresse le corse nella fascia pomeridiana dalle 15 alle 17. Confermato il bus navetta gratuito”.

Per le frazioni del comune, sono state soppresse le prime corse mattutine o le ultime serali, meno frequentate, per poter preservare quelle in orari scolastici e di lavoro.

Entro il mese di giugno si terrà una gara europea per il riaffidamento del servizio ad un unico gestore, che andrà a sostituire i sei che finora hanno garantito il servizio in città. “I vecchi gestori sono già stati convocati – ha evidenziato Di Giovangiacomo – e c’è completa disponibilità da parte loro a creare eventualmente un consorzio. È chiaro che, da teramano, sarei felice se ad aggiudicarsi la gara fosse qualche gestore locale, ma si tratta di un bando europeo. Pertanto staremo a vedere. Ciò che di positivo sicuramente ne verrà fuori è il fatto che, con un unico gestore, avremo un piano di ristrutturazione a 360 gradi in cui andremo ad eliminare ogni spreco o sovrapposizione”.

Per aggiudicarsi la gara bisognerà coprire il 10% tagliato dalla Regione con fondi privati in modo da poter reintrodurre le corse soppresse.

Annunci

Informazioni su Antonella Gaita

Giornalista
Questa voce è stata pubblicata in Abruzzo, Economia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...